“C’è una crepa in ogni cosa ed è da lì che entra la luce”  Leonard Cohen 

Ciao, piacere sono Roberta o quelladicambioprospettiva e sono una psicologa ed una formatrice.

Con il mio lavoro ti aiuto a far chiarezza tra emozioni confuse, situazioni di stallo, ansia, incertezza, vergogna e sensi di colpa. 

Sto al tuo fianco e ti supporto nei cambiamenti della tua vita, riscoprendo (o scoprendo) insieme a te le tue risorse interiori per far fronte e superare le tue difficoltà.

Lo faccio creando un luogo sicuro in cui puoi sentirti accolt* e non giudicat*, un luogo gentile, confortevole e assolutamente rispettoso della tua unicità e dei tuoi bisogni.

Possiamo lavorare assieme con le consulenze, la formazione emozionale e con la tua partecipazione ai laboratori creativi che organizzo.

Vuoi sapere qualcosa di più della mia storia?

Sono stata una bambina silenziosa e timida innamorata delle storie; ricordo pomeriggi interi vicino al camino mentre ascoltavo i racconti di nonna Giovanna che spaziavano dall’ultima telenovela venezuelana o della sua storia d’amore tormentata con nonno.

Sono cresciuta in un pezzo di Sardegna in cui puoi fermarti a guardare cieli vasti, mentre cammini tra altopiani basaltici toccando pietre che parlano al cuore e se fai caso puoi ascoltare il vento che si infila tra i pensieri scompigliandoli fino a darti le risposte che cercavi. 

Ho sempre avuto il pallino di “capire” e probabilmente questa è stata la molla che mi ha portata ad iscrivermi in psicologia nel lontano 1999 e a laurearmi nel 2005 con una tesi legata alla leadership femminile

In quegli anni il vento del cambiamento mi porta ad appassionarmi di cooperazione internazionale e di diritti umani soprattutto legati all’infanzia. Inizio a lavorare in ambito no profit con piccole e grandi organizzazioni, svolta che mi porta ad appassionarmi di educazione non formale, comunicazione, fund raising e copywriting fino a trasferirmi a Roma. 

All’ombra della città eterna il mio primo amore torna a bussare e inizio  un volontariato in una struttura che si occupa di minori non accompagnati. In quel luogo riassaporo il piacere di ascoltare storie e sento forte il bisogno di ritornare alla psicologia. 

Il vento degli altopiani da cui provengo mi riporta in Sardegna, a Cagliari, con un nuovo tirocinio annuale in cui scopro (finalmente) la mia adorata intelligenza emotiva, passione e studio che continuano ancora oggi. 

Nel 2014 mi licenzio da un contratto a tempo indeterminato e inizio a seminare le basi del progetto cambio prospettiva

Il progetto ancora oggi cresce tra formazioni che spaziano dalla comunicazione non violenta, alla compassion focused therapy fino alla mindfulness

Cambio Prospettiva è...

Cambio Prospettiva è un luogo aperto al dialogo e al confronto, rispettoso e sicuro.

É possibile che trovi parole con lettere “strane” come gli asterischi, questo perché voglio essere il più inclusiva possibile e rivolgermi anche alle persone che non si riconoscono nel binarismo di genere.

Io e Cambio Prospettiva siamo alleate della comunità LGBTQ+ e sono sostenitrice dell’approccio HAES.

Sono contro ogni possibile forma di discriminazione e oppressione.

Pratico l’imperfezione, la vulnerabilità e l’ascolto attivo.

Qui le parole sono un ponte gentile ed accogliente.  

Qui si coltiva l’arte dell’ispirazione, della meraviglia e della lentezza, in direzione contraria alla società della performance come unico obiettivo.

Credo nella gentilezza e nella scelta delle parole con cui possiamo parlarci e parlare, nella lentezza per la riconquista del proprio tempo e nella bellezza dell’unicità, nella luce discreta autunnale e nel profumo della terra bagnata, nel guardare il cielo con le sue nuvole, nei camini scoppiettanti di fuochi chiacchieroni e nelle torte di mele.

Credo nelle immersioni nella natura, nel silenzio, nel colore blu, nella ciclicità delle stagioni,  in David Bowie, Fabrizio de André, Frida Kahlo, Virginia Woolf e in Simone de Beauvoir.

Credo nei capelli spettinati, nelle mani che si sporcano di terra, nel profumo di cannella, nelle Janas e nelle parole del mare. 

Di varie ed eventuali