Blog

[Se clicchi su questo play, sentirai la mia voce che ti legge il post]

Nella mia vita, e in quella di Cambio Prospettiva, ci sono dei punti fermi che manco Alberto Angela riuscirebbe a farmi cambiare. Ad esempio amo la pizza margherita, quella con i bordi scrocchiarelli e la mozzarella filante, amo guardare il mare e ascoltare ciò che ha da dirmi e amo la sensazione di pace che provo nel perdermi tra le carezze dei miei cani e delle mie gatte. Il punto fermo per eccellenza, però, è la convinzione che l’intelligenza emotiva possa salvare il mondo, meglio di qualunque supereroe.

Di intelligenza emotiva ne parlo in lungo e in largo, non mi stanco mai di nominarla e non mi stanco di portarla in scena in tutti i luoghi possibili.

Le emozioni, la loro consapevolezza, possono davvero essere un regalo meraviglioso che scegliamo di farci e di fare, per il nostro benessere e per le nostre relazioni sociali.

Io ho scoperto l’intelligenza emotiva oramai nel 2011 e da allora il colpo di fulmine continua, superando indenne anche la crisi del settimo anno.

Questo post nasce per dare un’attenzione in più alle emozioni e magari darti qualche piccolo suggerimento per iniziare a familiarizzare con la tua parte emotiva, spesso bistrattata, trascurata e addirittura negata.

Nomina le emozioni

Prenditi l’abitudine di nominare le emozioni. Osservati, ascoltati, non fuggire da quello che provi ma “rimani” su quella sensazione che ti sembra di non capire e che magari ti fa paura.

Ti faccio un esempio pratico (e magari se sei un genitore o un’educatore ti serve anche nel quotidiano).

Metti il caso che hai un bimbo o una bimba di fronte a te che piange: che cosa fai? (Scappare non è un opzione valida, siamo d’accordo su questo, giusto?) Una delle reazioni principali, generalmente, è la negazione: “su, dai non piangere”, è la prima risposta che spesso fa capolino.

Lo aiuta, pensi che possa servire? O mostrare comprensione, cercando di definire e chiamare per nome ciò che sta succedendo, può essere un modo per familiarizzare con la propria intelligenza emotiva?

Torniamo a te: tutte le volte che ti è stato detto, “su dai smettila di fare così”; ti è servito?

Prova adesso a riflettere su tutte le volte che ti neghi l’ascolto. Quando senti che qualcosa non va, che sei confusa, non proibirti la possibilità di provare l’emozione. Accoglila e dalle un nome. Può essere rabbia, esasperazione, malinconia, nostalgia, meraviglia o turbamento: accettala e falle spazio, prova a definirla, non metterla all’angolo. Ok?

Fai la matrioska con la tua giornata

Un altro piccolo trucco per aumentare la tua consapevolezza consiste nel provare l’effetto Matrioska, ovvero non accontentarti del primo blocco narrativo con cui ti racconti, ma scendi nei dettagli. Fatti domande aperte, non solo “come stai”, ma chiediti “come ti sei sentita in quella situazione”, “che cosa hai provato”, “che cosa avresti voluto”.

Prenditi il tempo di ascoltarti e accogliti, senza giudizi please.

Ascolta i messaggi che arrivano da te, dal tuo interno, prendendoti cura di te per nutrire relazioni sane e belle.

Io, come al solito, faccio il tifo per te.


Se ti ho incuriosito e vorresti lavorare con me, qui trovi come poter fare.


Vuoi seguire il progetto Cambio Prospettiva? Iscriviti alla mia newsletter? Nessuno spam ma solo una mail una volta al mese in cui ti racconto che cosa succede in questo mondo tra psicologia e buone vibrazioni.

Con l’iscrizione puoi scaricarti gratuitamente l’ebook Ri-Scopro Me, per coltivare la tua rinascita ♥

Spunta la casella per darmi il permesso di usare i tuoi dati (leggi come li tratto)

Potrai disiscriverti in qualsiasi momento con il link che troverai in ogni newsletter.


Vuoi salire a bordo del mio furgoncino/gruppo su Facebook “Per Cambiare Prospettiva” per risorse gratis e buone vibrazioni? Clicca qui ♥

Ciao, sono Roberta Vacca

Ciao, sono Roberta Vacca

Psicologa, formatrice e creatrice di Cambio Prospettiva, luogo sicuro per prenderti cura di te. Coltivo emozioni imperfette e meraviglia.

Vuoi che diventi la tua amica di penna?

Iscriviti a "Controvento" la newsletter che mette in fila parole gentili per condividere riflessioni, ispirazioni e buone pratiche.