Blog

© mohamed-ahzam

Oramai l’avrai sentito in tutti i modi possibili: settembre è il nuovo gennaio, a settembre si pianifica, da settembre si rinizia, da settembre partono i piani migliori per il proprio futuro e via con questo valzer di aspettative confuse e forse non del tutto realistiche.

Ora a me, onestamente, tutta questa pressione sull’iniziare, sul pianificare, sull’essere sempre in “up” mette un attimo d’agitazione e d’ansia.

Io “soffro” un po’ ad ogni cambio di stagione; ogni volta mi riprometto di non cadere nel tranello dei bilanci ed invece qualche passo falso lo metto sempre: ho però imparato conviverci, forse meno ad accettarlo indiscriminatamente, ma ci convivo, del resto sono e resto umana, PUNTO.

Mi chiedo dunque che effetto faccia quest’ansia da prestazione incontrollata, quando tutt’intorno ti ricordano continuamente quante mirabolanti novità dovrai mettere in cantiere per questo anno.

Sarebbe bello avere una soluzione preconfezionata, da dispensare come un’aspirina: io credo che il rimedio migliore, in questo caso,  sia scegliere di regalarsi l’autenticità” nei propri confronti.

Scegliere di farla nascere e crescere non è affatto facile, anzi! Essere differenti è spesso una gran fatica che impone il mettersi in discussione e perseguire il desiderio di crescere: siamo noi (mi ci butto pure io a capofitto in questo discorso) che possiamo mettere in campo la scelta di essere onest*, la scelta di essere anche scomodi differenziandoci dalla massa ma rimanendo fedeli al nostro vero sé.

Quindi che fare? Io ho imparato che l’autenticità fa rima con il coraggio; si hai capito proprio bene, ho detto coraggio. Compi le tue scelte, quelle che ti fanno sentire bene, quelle che sono aderenti ai tuoi reali bisogni.

Fai silenzio con quel vociare che senti intorno a te e ascoltati.

E quando cominci davvero ad ascoltarti, togliti quel mantellino della perfezione: ecco, fatto?

Ora concediti di essere vulnerabile, di godere della tua imperfezione.

“Piantala di mettere tutti quei “dovrei” nella tua vita e sostituiscili con un “sono”.

Certamente la possibilità di migliorare è importante ma non scordarti mai che sei una somma di punti di forza e di debolezza e che sbagliare non ti rende una persona difettosa ma una persona umana, il cui valore non viene sicuramente alterato da uno o più errori!

Da poco ho letto questa frase

Essere nessun altro all’infuori di se stesso in un mondo che fa il suo meglio, giorno e notte, per renderti tutto fuorchè te stesso significa combattere la battaglia più dura che un essere umano possa intraprendere, e non smettere mai di lottare. E.E. Cummings

Credo che essere veri sia una delle rivoluzioni più potenti che possiamo compiere.

E se fosse che questo settembre iniziasse da questa piccola rivoluzione?

Ready?

Se per caso, volessi approfondire il discorso con me puoi trovarmi qui.


Vuoi seguire il progetto Cambio Prospettiva? Iscriviti alla mia newsletter? Nessuno spam ma solo una mail una volta al mese in cui ti racconto che cosa succede in questo mondo tra psicologia e buone vibrazioni per le tue ispirAzioni. Con l’iscrizione puoi scaricarti gratuitamente l’ebook Ri-Scopro Me, per coltivare la tua rinascita ♥

Spunta la casella per darmi il permesso di usare i tuoi dati (leggi come li tratto)

Potrai disiscriverti in qualsiasi momento con il link che troverai in ogni newsletter.


Vuoi salire a bordo del mio furgoncino/gruppo su Facebook “Per Cambiare Prospettiva” per risorse gratis e buone vibrazioni? Clicca qui ♥

Ciao, sono Roberta Vacca

Ciao, sono Roberta Vacca

Psicologa, formatrice e creatrice di Cambio Prospettiva, luogo sicuro per prenderti cura di te. Coltivo emozioni imperfette e meraviglia.

Vuoi che diventi la tua amica di penna?

Iscriviti a "Controvento" la newsletter che mette in fila parole gentili per condividere riflessioni, ispirazioni e buone pratiche.